LIBERI

Sogniamo.                                                                                                                                          

Spalanchiamo lo sguardo sognando. Abbranchiamoci alla speranza di incontrare la vita nel balzo delle indecisioni, nel fragore del mare o nel verseggiare delle stelle. Non siamo vita nemmeno fra i frammenti di speranza, fra le briciole del cielo. Imprimiamo gli occhi del sole, incastoniamoci nell’essenza delle età vegliarde. Comprendiamo i vertici del suono, gli slanci di pensiero, scordiamo il mondo invalso. Oltre il grigiore della pochezza dei corpi, saremo nudi, spogli di irrealtà imposte, liberi di essere umani.